sabato 19 marzo 2016

L'Archetipo del Guerriero

L’avventura del Guerriero ci insegna che le esperienze che facciamo nel corso della vita sono in gran parte determinate dall’idea che abbiamo della vita stessa.  
Siamo noi a inventare le storie che viviamo, noi a scrivere le trame, anche se attribuircene la paternità è arduo, dato che le creiamo prevalentemente a livello inconscio, attingendo a schemi e convincimenti radicati nel profondo.
Sappiamo che l’ereditarietà e l’educazione giocano un ruolo importante nella formazione delle credenze personali e sappiamo che tali credenze condizionano i nostri copioni, ma sarebbe riduttivo fermarsi a quest’analisi, tanto più che genitori e insegnanti condividono con noi la medesima sorte. Se non è tutto dettato dall’ereditarietà genetica e dall’educazione, cos’altro ispira le trame della nostra vita? Qualcosa di più grande. Qualcosa che raccoglie l’intera cultura di un’epoca, frutto anch’essa dell’evoluzione di altri periodi storici, e che comprende il tessuto sociale e le mille sfumature della percezione collettiva. Questo qualcosa è il MITO.
Leggende, favole e racconti attraversano da sempre la Storia per la loro prerogativa di contenere un senso simbolico nascosto che accomuna gli uomini e le donne di tutte le epoche nella loro aspirazione alla saggezza interiore. Dunque, tutti i miti propongono aspirazioni culturalmente valide, ma alcuni di essi assurgono al ruolo di ARCHETIPI, per la capacità intrinseca di mantenere valido il loro potere durante tutta la vita, ed è tra questi che troviamo le storie e i personaggi in grado di aiutarci a comprendere il copione che stiamo vivendo.
L’archetipo del Guerriero è quello che nella nostra cultura definisce l’eroismo, quello che aiuta l’Eroe a sviluppare il coraggio, a conoscere il proprio valore e ad apprendere la capacità di autoaffermazione.
L’archetipo del Guerriero ci insegna a riconoscere il nostro potere e ad affermare la nostra identità nel mondo. Questo potere può essere fisico, intellettuale, psichico e spirituale.
A livello fisico, il Guerriero presiede al diritto di vivere. A livello intellettuale, riguarda il discernimento, ovvero la facoltà di distinguere tra bene e male e di individuare idee e valori positivi. Sotto il profilo psichico concerne la capacità di imporci come esseri umani e la creazione di confini sani, così da sapere dove finiamo noi e dove cominciano gli altri. Spiritualmente, ha la funzione di guidarci per distinguere tra le varie fedi e filosofie e riconoscere quelle che stimolano la nostra forza vitale e quelle che, al contrario, la mutilano. Il Guerriero ci aiuta a cercare, esprimere e difendere ciò che nutre il nostro corpo, la nostra mente, il cuore e lo spirito e a sconfiggere, allontanare o rifiutare di far entrare nella nostra vita ciò che nuoce a corpo, mente, cuore e spirito.

Tutto questo e molto altro lo potrai trovare del libro 
Guerrieri stanchi di lottare di Samantha Fumagalli
 
 

Link per l'acquisto
Oppure puoi ordinarlo nella tua libreria di fiducia
con il codice ISBN 9788891184115  
Se preferisci l'ebook

Nessun commento:

Posta un commento