martedì 3 maggio 2016

Aria più pura con gli oli essenziali

Primavera, voglia di aria nuova. Pensando ai deliziosi aromi che si sprigionano nell'aria quando fioriscono le piante, mi è venuta l'idea di dedicare un post all'uso degli oli essenziali per profumare e purificare gli ambienti.
Come abbiamo già accennato tempo fa e come sicuramente sa chi ha letto il libro Se la pelle potessescegliere di Samantha Fumagalli, gli oli essenziali si possono applicare direttamente sulla pelle, ma anche utilizzare per inalazione (poche gocce su un fazzolettino) o per diffusione.
Gli oli essenziali, oltre a possedere un particolare aroma, hanno anche la prerogativa di purificare l'aria dai germi e batteri, aiutando a contrastare e a prevenire i vari problemi respiratori e le allergie. Non ultima, è apprezzabile la loro azione sull'umore e sul sistema nervoso, che di volta in volta può essere rilassante, tonificante, antistress, stimolante eccetera.
Con gli oli essenziali possiamo profumare e purificare casa, ufficio e automobile.
Come? Semplice, in casa e in ufficio si usano i comodi diffusori di essenze, mentre per l'auto si possono versare alcune gocce di olio essenziale su un batuffolo di cotone o su un fazzoletto da posizionare davanti alla bocchetta dell'aria.

E adesso vediamo quali essenze vaporizzare nell'aria.
Olio essenziale di Pino silvestre: ottimo per tonificare l'umore e alleviare la stanchezza di chi soffre di bassa pressione. Aiuta in caso di stress ed è indicato per combattere i disturbi del sonno. Ne traggono giovamento anche le prime vie respiratorie.
Olio essenziale di Limone: depurativo, antibatterico, antisettico e detossinante aiuta contro le allergie e i malanni stagionali. È un toccasana anche per il sistema nervoso, perché favorisce il rilassamento e riduce lo stress.
Olio essenziale di Eucalipto: ottimo per profumare e purificante per l'aria degli ambienti chiusi. Riduce la proliferazione di germi, batteri e virus. Decongestiona le mucose nasali.
Olio essenziale di Rosmarino: balsamico, espettorante, antisettico e antibatterico,disinfetta l'aria, calma lo stress e stimola la memoria. Non usare in gravidanza e in presenza di bambini molto piccoli.
Olio essenziale di Lavanda: balsamico, antinfiammatorio, antisettico e antibatterico, il suo profumo ha un effetto distensivo e può alleviare il mal di testa.
Olio essenziale di Ylang-ylang: calmante, antisettico e afrodisiaco, aiuta in caso di prostrazione e depressione ed ha un'azione positiva per chi ha la pressione alta

Gli oli essenziali si possono usare da soli oppure mischiare per creare una miscela personalizzata.

Un ultimo suggerimento: prendete a una bottiglietta spray e riempitela di acqua, poi aggiungere qualche goccia di olio essenziale e vaporizzate nell'ambiente (dosi: 20 gocce di o.e. per 50 ml di acqua).

Se vuoi conoscere meglio le proprietà benefiche degli oli, ti consiglio di leggere il libro Se la pelle potesse scegliere di Samantha Fumagalli.

APPROFITTA SUBITO
DELLA PROMOZIONE DI MAGGIO!
Puoi avere l'ebook
al prezzo eccezionale di 0,99 €
al posto di 3,99 €
Lo trovi su:
e su tutti gli store online.
(disponibile anche il cartaceo)

Oli essenziali - Avvertenze
Prima di riportare qualche precauzione relativa agli ali essenziali, è doverosa una raccomandazione: scegliere sempre prodotti di qualità, puri e naturali al 100%.
Possibili reazioni allergiche: sebbene rara esiste la possibilità che gli oli essenziali provochino reazioni allergiche; si consiglia pertanto di fare un semplice test di sensibilità, miscelando qualche goccia dell'olio essenziale prescelto in un cucchiaino di olio vegetale (oliva o girasole vanno benissimo) e massaggiare sulla pelle dell'incavo del gomito fino al completo assorbimento. Se dopo 24 ore non si sono verificati arrossamenti, prurito, irritazioni o altre reazioni si è liberi di utilizzare l'olio, diversamente è meglio sceglierne un altro con caratteristiche simili.
Utilizzo e diluizioni: gli oli essenziali sono sostanze molto concentrate e vanno diluite prima di essere usate. Di solito si usano pochissime gocce (1-3) o si diluisce all'1 o 3 per cento. Qualsiasi olio essenziale usato in quantità eccessiva può causare irritazioni o altri effetti indesiderati. Gli oli essenziali si possono applicare sulla pelle, inalare, diffondere nell'aria o assumere per via interna. Quest'ultimo utilizzo va seguito da personale esperto. Prestare particolare attenzione in caso di pelle infiammata o danneggiata, perché può essere più soggetta a reazioni allergiche.
Precauzioni generali
Usare gli oli essenziali con moderazione nei bambini e negli anziani.
Evitare il contatto con gli occhi.
Non applicare gli oli essenziali puri, perché possono essere molto irritanti.
Gli oli essenziali sono sostanze infiammabili.
Tenere lontano dalla portata dei bambini e degli animali domestici.
Non miscelare gli oli essenziali con prodotti di derivazione sintetica.
Evitare l'uso costante e prolungato dello stesso olio essenziale.
Fotosensibilizzazione: alcuni oli essenziali sono fotosensibilizzanti (possono dare luogo a pigmentazione irregolare e permanente se applicati fino a 24 ore prima e dopo l'esposizione al sole o alla lampada UVA): Angelica, Arancio amaro, Arancio dolce, Bergamotto, Cedro, Finocchio, Limone, Mandarino, Pompelmo e Verbena.
Da non usare in gravidanza, durante l'allattamento e su bambini piccoli: Anice, Anice stellato, Angelica, Artemisia, Assenzio, Basilico, Canfora, Cannella, Cedro legno, Cisto, Coriandolo, Cumino, Chiodi di Garofano, Dragoncello, Ginepro, Issopo, Lavandula stoechas, Maggiorana, Mandorle, Menta piperita, Menta pulegio, Mirra, Noce moscata, Origano, Patchouli, Pepe, Prezzemolo, Rosmarino, Ruta, Salvia officinalis, Sassofrasso, Senape, Tanaceto, Thuya, Timo, Carvacrolo, Timolo, Verbena e Zenzero.
Queste avvertenze non sono complete, in presenza di patologie gravi o altri dubbi, si raccomanda di consultare un medico.

Nessun commento:

Posta un commento