martedì 21 agosto 2018

Il cugino del giaguaro?








Avanti, ditemi cos’è.
È un gatto col nasone, direte voi. Più o meno…
È un felino. Questo senz’altro…
È un coso. In effetti…

Vi dico subito che non c’ha i pois. 
Non ha macchie, righe, quadratini, insomma non ha una pelliccia fantasia, ce l’ha grigia o rossastra o forse marrone o ruggine. Perfino gli esperti felinologi (?) non sono d’accordo perché lo si vede poco in giro, e quindi c’è chi lo fa biondo, chi rosso, chi castano, insomma, l’unica cosa su cui concordano è che grazie a una pelliccia che non ha mai interessato le donne, si è salvato la pelle in tutti questi anni e non rischia l’estinzione come il giaguaro, punto.

È anche uno che si fa i fatti suoi, dicono, ma non mi risulta che leopardi e giaguari venissero cacciati perché troppo impiccioni, quindi niente, gli è andata bene perché non aveva mercato.


Al di là di questo, a me il gatto col nasone piace molto, soprattutto in questa foto dove è venuto proprio bene (di solito non è così fotogenico), e mi piace anche per le orecchie tonde e quello che in questa foto non vedete ma ve lo dico io: bella coda, zampe corte e corpo agile come una donnolaweasel, capito? Weasel cat, lo chiamano! Praticamente un parente.

Ma lui vive in America, nelle foreste tropicali, dove come tutti i gatti caccia i roditori, roditori tropicali, ovvio. 
Però ogni tanto si spinge fino agli insediamenti dove l'uomo alleva e coltiva. 
E caccia i polli. 

Guardate com'è fiero della sua felinità un po' spuria, tra la donnola e il gattone: 
il suo nome è Yaguarondi, o Jaguarondi, o Giaguarondo… chiamatelo come volete, tanto non lo incontrerete mai. 


Martin. 
Weasel, of course.



Nessun commento:

Posta un commento